COME LAVARE GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO DOMESTICI 
E TRATTARE L'ACQUA

 (In conformità a quanto stabilito dal DPR 59/09) 


Questo articolo illustra le modalità ed i prodotti per il lavaggio/rigenerazione degli impianti di riscaldamento e per la loro protezione. 

COSA 

In queste righe affrontiamo brevemente il tema del trattamento dell'acqua degli impianti di riscaldamento. L'acqua è il liquido che circola nei nostri impianti di riscaldamento e nei nostri termosifoni, si usa l'acqua essenzialmente perchè a basso costo e facilmente reperibile. Ma l'acqua così com'è, presenta alcune proprietà chimiche che non sono l'ideale per questa applicazione. Per avere il liquido ottimale basta "trattare"
l'acqua che c'è nei nostri impianti. 
Il "trattamento" dell'acqua consiste semplicemente nell'aggiungere una modica quantità di un prodotto specifico 

Il trattamento dell'acqua di un impianto di riscaldamento deve essere preceduto da un efficacie lavaggio dell'impianto stesso, eseguito con prodotti chimici adeguati. 

QUANDO 

Il lavaggio dell'impianto ed il successivo trattamento dell'acqua può essere effettuato in qualsiasi momento, e diventa obbligatorio quando si installa una nuova caldaia, sia su impianto preesistente che su impianto nuovo. 

PERCHÈ 

Vi sono tre ordini di motivazioni per procedere con il lavaggio dell'impianto ed il successivo trattamento dell'acqua: 

1. Prevenire o risolvere i problemi per l'impianto e per le caldaie, soprattutto a condensazione. I problemi sono quelli derivanti da:     

     • Corrosioni, generalizzate e puntiformi,     
     • Depositi di calcare e incrostazioni,     
     • Formazione di alghe (per impianti a pannelli radianti, e basse temperature). 

2. Ottemperare ai requisiti legislativi: DL 195/05 e DL 311/06 resi attuativi dal DPR 59/09, che all'articolo 4 comma 14 indica chiaramente l'obbligatorietà di questo intervento. 

3. Risparmiare denaro: questo intervento fa risparmiare denaro sia direttamente in termini di combustibile, sia aumentando la durata e l'efficienza dell'impianto, e riducendo le necessità di interventi di manutenzione. Sebbene sia difficile calcolare con precisione l'entità del risparmio, date le numerose variabili in gioco, alcuni studi indicano che, con un trattamento ben eseguito e con prodotti idonei, si risparmia, come minino, il 2.5% di combustibile, ma si può arrivare anche al 10% ed oltre, se si partiva da un impianto molto sporco. 

COME 

Il lavaggio dell'impianto può essere eseguito facilmente da qualsiasi installatore, in due modi: 

1. Con pompa esterna: Questa pompa ha caratteristiche uniche (portata 3000 litri/ora, resistenza 85 gradi C, facilità d'uso). In un solo intervento un installatore può lavare/rigenerare un impianto molto efficacemente, semplicemente facendo circolare il prodotto detergente nell'impianto per qualche ora. 

2. Utilizzando la stessa pompa della caldaia: immettere il prodotto detergente nell'impianto e lasciarlo circolare per circa una settimana. Dopo di che intervenire per svuotare l'impianto e risciacquarlo accuratamente. 

Con il lavaggio si ripristinano le condizioni originarie dell'impianto, evitando lo smontaggio dei termosifoni e altre operazioni manuali. 

Il trattamento di protezione è ancora più semplice in quanto basta aggiungere il giusto dosaggio di prodotto “Protettivo” di elevata qualità e prestazioni, che assicurerà una protezione a lungo termine (fino a 10 anni) dell'impianto e della caldaia. Nel caso l'impianto necessitasse anche di protezione dal gelo, si può effettuare la protezione con Antigelo con funzione protettiva. Se si tratta di un impianto a bassa temperatura (pannelli radianti) è opportuno completare la protezione con un prodotto Biocida per prevenire la formazione di Alghe.


Il ruolo dell’ACQUA negli impianti a radiatori:

L’ACQUA è il liquido utilizzato per lo scambio termico. Materiali ferrosi a contatto con acqua favoriscono la creazione di fanghiglia, ossidazione e corrosione, causati dalle caratteristiche dell’acqua stessa:

• Acqua con pH troppo acido o troppo alcalino;  
• Acqua troppo ossigenata; acqua con una presenza elevata di minerali (calcio e magnesio); 
• Acqua con alta conducibilità. 


Alcuni esempi di incrostazioni presenti sulle tubazioni










Risultati di un lavaggio in un radiatore:

Prima:


Dopo:



Acqua NON TRATTATA è acqua NON IDONEA per un impianto di riscaldamento.